Glossario

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - Z


Acetaliche


Le prime resine acetaliche commerciali risalgono al 1959. Sono uno dei pi¨ resistenti e rigidi materiali termoplastici conosciuti e offrono un insieme di eccellenti proprietÓ quali elevato modulo di elasticitÓ, alta tenacitÓ, ottima resistenza alla fatica, colore bianco traslucido molto simile a quello del Nylon. Si impiegano soprattutto per la fabbricazione di pezzi tecnici nei settori pi¨ vari: dalle videocassette ai carburatori per auto, alle chiusure lampo.


Acetato di cellulosa


Appartiene alla famiglia delle resine cellulosiche. Come la Celluloide Ŕ ottenuto per via di modificazione chimica di un polimero naturale: la cellulosa che Ŕ una delle sostanze organiche pi¨ diffuse in natura. L'acetato di cellulosa Ŕ la prima materia plastica stampata a iniezione. Ha l'aspetto di una polvere bianca e per il suo aspetto gradevole viene usata soprattutto per produrre manufatti trasparenti, traslucidi e opachi tra cui tasti per macchine da scrivere e calcolatrici, pulsanti, rivestimento di volanti per automobili, manici di coltelli, tacchi per scarpe, paralumi, vetri di orologi, parti di maschere protettive, penne stilografiche, manici di parapioggia, giocattoli e via dicendo.


ABS


Le resine ABS rappresentano una delle pi¨ pregiate mescolanze tra una resina e un elastomero e devono il loro straordinario successo alle ottime proprietÓ che derivano da questo connubio. La sigla ABS e formata dalle iniziali dei tre monomeri di base impiegati per la loro preparazione: l'acrilonitrile, il butadiene e lo stirene. Le prime resine ABS furono prodotte negli anni Cinquanta. Le loro proprietÓ fondamentali sono la tenacitÓ, la resistenza all'urto, la durezza superficiale. Perci˛ sono impiegate soprattutto per la fabbricazione di mobili, componenti per l'industria automobilistica, chassis di televisori, radio, pannelli e simili.