Glossario

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - Z


Poliammidi


Forse nessuno dei prodotti sintetici ha acquistato così rapidamente la popolarità di cui godono oggi le resine poliammidiche che sono note generalmente con il nome commerciale della prima poliammide messa in commercio negli Stati Uniti nel 1935: il Nylon. Le poliammidi si lavorano con quasi tutte le tecniche in uso per i materiali termoplastici ed è impossibile elencare tutte le loro applicazioni che interessano industria automobilistica, elettronica, elettrotecnica, radio e televisione, ingranaggi di precisione, film per imballaggio alimentare, strumenti chirurgici, protesi, abbigliamento.


Polietilene


E' stato sviluppato industrialmente sessant'anni fa, in Inghilterra. E' una delle materie plastiche più diffuse e più note. Esistono diversi processi per ottenere il polietilene che variano tra di loro soprattutto in rapporto alla pressione. I tipi di polietilene ottenuti hanno caratteristiche diverse: a media, alta e bassa densità; recentemente è stato sviluppato anche un tipo di polietilene cosiddetto a bassa densità lineare che ha caratteristiche migliori del tradizionale prodotto a bassa densità. Le caratteristiche del polietilene si possono comunque così riassumere: basso costo, facilità di lavorazione, tenacità e flessibilità anche a basse temperature, mancanza di odore e tossicità, trasparenza. Il polietilene è anche un ottimo isolante elettrico. Gli impieghi sono estremamente vari: vanno dai casalinghi ai giocattoli, al rivestimento di cavi, alle bottiglie, ai film per imballaggio, alle serre per uso agricolo, alle tubazioni.


Polimetilmetacrilato


E' il più importante dei polimeri derivati dall'acido acrilico, prodotto già negli anni Trenta, ma su scala industriale soltanto durante la seconda guerra mondiale. Con il polimetilmetacrilato Moholy-Nagy e Pevsner hanno prodotto le prime sculture "oggettuali" di materia plastica. E' un materiale rigido, trasparente, dotato di un'eccezionale capacità di trasmissione della luce, superiore a quella degli stessi vetri inorganici. Queste caratteristiche ottiche sono alla base delle principali applicazioni del polimetilmetacrilato che sono vastissime: dall'edilizia all'arredamento, alla segnaletica, all'industria automobilistica, alla nautica, agli elettrodomestici, alle apparecchiature per laboratorio.